PUBBLICAZIONE BANDO PIL – MISURA 19.2.16.3 “Cooperazione tra piccoli operatori per lo sviluppo e la commercializzazione del turismo”

Si comunica che il Consiglio di Amministrazione, nella seduta del giorno 13 maggio 2019, ha deliberato la proroga del presente bando al 22/07/2019 (ore 13.00).

Si comunica che il CdA, nella seduta del giorno 8 marzo 2019, ha deliberato la proroga del presente bando al 20/05/2019 (ore 13.00).

Si comunica inoltre l’aggiornamento dei documenti allegati al presente bando con DGR. 1304/2018 relativamente ai costi di riferimento (prezziario regionale).

A seguito della comunicazione degli esiti della valutazione delle proposte di modifica del PSL del GAL “Flaminia Cesano” (comunicazione del Servizio Politiche Agroalimentari PF Diversificazione delle attività rurali e struttura decentrata di Macerata con note n 0040862 del 10/01/2019 e n 0132075 del 01/02/2019) tutti il presente bando pubblicato con riserva è definitivamente approvato.

Si precisa inoltre che:
Il ribasso d’asta della ditta risultata aggiudicataria di gara per lavori, servizi e forniture, può essere riutilizzato solo per le varianti previste all’art 106 del Codice Appalti opportunamente comunicate all’ANAC con adeguate motivazioni; in merito alle gare con offerta migliorativa si precisa che conformemente a quanto evidenziato dall’ANAC, l’oggetto dell’offerta migliorativa deve essere espresso in maniera chiara ed individuabile quantitativamente e qualitativamente.

SI COMUNICA che al punto 5.3.1 “spese ammissibili” del presente bando  tra piccoli operatori per lo sviluppo e la commercializzazione del turismo, per mero errore materiale è stata riportata la lettera c) (Organizzazione di attività in comune: è consentita la realizzazione di nuove strutture e impianti per attività da realizzare insieme agli associati. Sono compresi piccoli interventi di adeguamento di strutture esistenti per renderle compatibili con le nuove dimensioni di utilizzo;). Tale spesa non risulta ammissibile come anche confermato al punto 6.1.3 “documentazione da allegare alla domanda” in cui è completamente assente ogni riferimento alla documentazione necessaria per opere e/o forniture di arredi e attrezzature (permessi, progetti, computi metrici, preventivi, relazioni tecniche ecc.).

Per cui il punto 5.3.1 viene così modificato:
“Le spese ammissibili sono determinate in base all’articolo 65 del Regolamento (UE) n. 1303/2013, coerentemente con gli obiettivi e le finalità della misura.
Le stesse non potranno avere una durata superiore al 30 giugno 2023 e riguardano i seguenti costi:
1. a) Studi preliminari: analisi di mercato, studi di fattibilità, pianificazione strategica;
2. b) Costi per la costituzione dell’aggregazione e costi di animazione;
3. c) Organizzazione di attività in comune: è consentita la realizzazione di nuove strutture e impianti per attività da realizzare insieme agli associati. Sono compresi piccoli interventi di adeguamento di strutture esistenti per renderle compatibili con le nuove dimensioni di utilizzo;
4. d) Progettazione e realizzazione di disciplinari e loghi collettivi dell’associazione;
5. e) Produzione di materiale informativo e pubblicitario collettivo di promozione dell’aggregazione (cartaceo, digitale, cartellonistica, per la rete internet, etc.);
6. f) Organizzazione e/o partecipazione ad eventi fieristici (comprese le spese logistiche, affitti spazi, noleggio attrezzature, interpretariato, traduzioni).”

Strategia di aggregazione: Progetti Integrati Locali (PIL).
Requisiti del soggetto richiedente: Il soggetto richiedente che può accedere al presente bando sono esclusivamente aggregazioni di piccoli operatori locali nelle aree rurali nel settore del turismo, dell’agriturismo, delle fattorie didattiche, dell’artigianato e produttori agricoli dei prodotti tipici locali ed enogastronomici.
Quindi ai sensi dell’art. 11 comma 3 del Reg. (UE) 807/2014 beneficiari della presente misura possono essere soltanto “piccoli operatori”, cioè microimprese a norma della raccomandazione 2003/361/CE e s.m. o persone fisiche non impegnate in una attività economica  al momento della richiesta di finanziamento, che costituiscono un’aggregazione di piccoli operatori, che non può essere inferiore a 3 soggetti.
Termini per la presentazione delle domande: La domanda di aiuto può essere presentata fino alle ore 13,00 del giorno 28/03/2019.
Dotazione finanziaria:  € 400.000.00.

Tipologia dell’intervento: Il bando è rivolto a favorire lo sviluppo di aggregazioni di piccoli operatori locali nelle aree rurali nel settore del turismo, dell’agriturismo, delle fattorie didattiche, dell’artigianato e dei prodotti tipici locali ed enogastronomici finalizzate:

  • al miglioramento ed alla specializzazione del prodotto/servizio offerto tramite sistemi innovativi ITC, la condivisione di impianti e risorse;

  • alla promozione e commercializzazione, per poter avere economie di scala ed aggredire mercati che le singole imprese non potrebbero raggiungere.

Per ulteriori informazioni scarica la seguente documentazione:

Bando 19.2.16.3_Cooperazione tra piccoli operatori per lo sviluppo e la commercializzazione del turismo;
Allegato 1) Scheda autovalutazione.

DGR1304_18_costi di riferimento

I commenti sono chiusi.